Visita oculistica specialistica o di controllo

La visita oculistica specialistica è quel tipo di vista medica che viene effettuata a pazienti che non presentano evidenti problemi da risolvere tramite interventi chirurgici, ma rivolta a pazienti che hanno la necessità di un controllo periodico della salute della propria vista, per la prescrizione di nuovi lenti per i propri occhiali correttivi per i difetti visivi più comuni come miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia.

Esami di routine durante la visita oculistica specialistica

Durante la vista oculistica solitamente vengono effettuati questi esami, tuttavia la scelta di quali effettuare è a discrezione del medico oculista, in base alle caratteristiche del paziente che sta visitando:

  • Autorefrattometria
  • Tonometria
  • Endoteliometria
  • Topografia con ODP Scan
  • Esame della retina in dilatazione (si utilizzano colliri che potrebbero causare fastidi alla vista per alcune ore, nei bambini la dilatazione può durare fino a 24 ore)
  • Misurazione della vista

 

Visita oculistica specialistica di prevenzione

La prevenzione rappresenta sempre la chiave vincente per effettuare una diagnosi precoce e accurata per quelle patologie che non manifestano sintomi se non quando la malattia è già in stato avanzato. Per questo motivo in presenza di particolari situazioni si consiglia sempre di effettuare regolari visite di controllo.

  • Durante l’infanzia si consiglia di effettuare una visita oculistica specialistica fin dai primi anni di vita per verificare il corretto sviluppo della funzione visiva, escludendo difetti rifrattivi o patologie dell’occhio, oltre che per prevenire l’ambliopia (o occhio pigro) già a partire dai 3 anni.
  • In caso di malattie sistemiche molto diffuse quali diabete e ipertensione, è necessario effettuare delle visite oculistiche specialistiche di controllo per verificare l’eventuale sviluppo di lesioni retiniche di diverse gravità.
  • Come prevenzione del glaucoma mediante la misurazione del tono oculare e l’osservazione del fondo oculare durante una visita oculistica specialistica, dato che si tratta di una patologia che non manifesta sintomi evidenti

 

Visita oculistica specialistica approfondita

Il medico oculista per effettuare eventuali diagnosi più complesse può richiedere, a sua discrezione, di effettuare ulteriori esami più approfonditi, quali:

  • Visita ortottica
  • Campo visivo
  • OCT (tomografia a coerenza ottica della retina o della parte anteriore dell’occhio)
  • Test di Schirmer
  • Biometria
  • Topografia semplice